Orario

lun-gio 10 - 13 | 15 - 19 ven 10 - 13

Email

info@avvocatolavorotorino.it

 

Blog

Licenziamento disciplinare del dirigente

Licenziamento disciplinare del dirigente.
La cassazione, con sentenza n. 4685 del 18 febbraio 2019, è intervenuta sul tema del licenziamento disciplinare del dirigente. Da detta sentenza, emergono i seguenti due principi. Anzitutto, la giustificatezza del licenziamento, tipica della categoria dirigenziale, ben può fondarsi, per la particolare natura del rapporto di fiducia, su ragioni oggettive non necessariamente coincidenti con l’impossibilità di continuazione del rapporto, ma semplicemente idonee a turbare il rapporto fiduciario con il datore di lavoro, nel cui ambito rientra l’ampiezza dei poteri attribuiti al dirigente, purchè apprezzabili sul piano del diritto senza necessità di un’analitica verifica di specifiche condizioni, per la sufficienza di una valutazione globale, che escluda l’arbitrarietà del recesso.
In secondo luogo, il licenziamento per giusta causa del dirigente esige la formulazione di una preventiva contestazione allo scopo di tutelare il diritto di difesa del lavoratore. Pertanto, la giustificatezza del recesso può essere esclusa anche per la mancata adozione delle garanzie procedimentali (art. 7, stat. lav), espressione di un principio di carattere generale che si applica anche ai dirigenti.

Nessun commento presente

Inserisci il tuo commento

Utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano cookie sul tuo dispositivo. I cookie sono utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sulla navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Puoi scegliere se abilitare i cookie statistici e di profilazione. Privacy Policy