Contattaci

011 0891030

Orario

lun-ven 10 - 13 | 15 - 19

Email

info@avvocatolavorotorino.it

Home Articles posted by Andrea

Author: Andrea

Il D.L. 17 marzo 2020, n. 18 (C.d. decreto Cura Italia), all’art. 63 (recante premio ai dipendenti, stabilisce che: • ai titolari di reddito di lavoro dipendente di cui all'art. 49, comma 1, del TUIR (Sono redditi di lavoro dipendente quelli che derivano da rapporti aventi per oggetto la prestazione di lavoro, con qualsiasi qualifica, alle dipendenze e sotto la direzione di altri, compreso il lavoro a domicilio quando è considerato lavoro dipendente secondo le norme della legislazione sul lavoro), che...

Il Garante Privacy, con il provvedimento del 26 marzo 2020 n. 65, interviene in materia di trattamento di dati personali effettuato attraverso l’accesso alla cronologia del pc aziendale e ad altri dati raccolti nel corso del rapporto di lavoro della reclamante. Si tratta di un argomento che trova le sue fonti di disciplina nell’ordinamento europeo e in quello nazionale e che tiene banco sempre più spesso nelle sedi giudiziarie del lavoro. Il provvedimento del Garante Il provvedimento in oggetto riguarda il reclamo...

Secondo una pronuncia della corte di cassazione (la 29423 del 2019) l'art. 34, comma 1, d.lgs n. 276 del 2003 si limita a demandare alla contrattazione collettiva la individuazione delle «esigenze» per le quali è consentita la stipula di un contratto a prestazioni discontinue, senza riconoscere esplicitamente alle parti sociali alcun potere di interdizione in ordine alla possibilità di utilizzo di tale tipologia contrattuale; né un siffatto potere di veto può ritenersi implicato dal richiamato «rinvio» alla disciplina collettiva che...

Trasferimento per incompatibilità ambientale Riportiamo il testo di una interessante massima della cassazione (n. 27345 del 24 ottobre 2019) relativa al tema del trasferimento per incompatibilità ambientale. Secondo la cassazione, il trasferimento del dipendente dovuto a incompatibilità aziendale, trovando la sua ragione nello stato di disorganizzazione e disfunzione dell’unità produttiva, va ricondotto alle esigenze tecniche, organizzative e produttive, di cui all’art. 2103 c.c., piuttosto che, sia pure atipicamente, a ragioni punitive e disciplinari, con la conseguenza che la legittimità del provvedimento datoriale...

Entra in vigore un decreto legge (il 101 del 3 settembre 2019) sui riders, che integra il d.lgs. 81/15 e prevede che il corrispettivo per i lavoratori riders può essere determinato in base alle consegne effettuate, purchè non in forma prevalente. I contratti collettivi possono definire schemi retributivi modulari e incentivanti che tengano conto delle modalità di esecuzione della prestazione e dei diversi modelli organizzativi. Il corrispettivo orario, afferma la norma, è riconosciuto a condizione che, per ciascuna ora lavorativa,...

Se cerchi avvocati per il lavoro Torino, allora sei nei sito giusto. Già perché il nostro studio è costituito da avvocati specialisti per il lavoro e per il diritto del lavoro. Si tratta di un ramo specialistico, nell'ambito del diritto, che raccoglie tutte le questioni che attengono il lavoro. Gli avvocati per il lavoro si occupano delle tematiche quali licenziamenti, contestazioni disciplinari, differenze di livello, mobbing, lavoro nero, illegittimità del contratto a termine, illegittimità della somministrazione, apprendistato, ecc. Insomma, un ventaglio ricco e variegato...

Licenziamento per giusta causa del dipendente. Cosa significa? L’espressione Licenziamento per giusta causa del dipendente non è tecnicamente corretta. Il rapporto di lavoro, infatti, può risolversi, oltre che per mutuo consenso, o per volontà del datore di lavoro o per volontà del dipendente. Solo nel primo caso si può parlare di licenziamento ovvero l’atto interruttivo del rapporto di lavoro intimato dal licenziamento, mentre qualora sia il lavoratore a risolvere il rapporto si parla più propriamente di dimissioni. Ad ogni modo, posto che...

Pubblichiamo, sperando di fare cosa gradita, un modello di pignoramento presso terzi lavoro. Si tratta di un atto di pignoramento redatto nell'interesse di un libero professionista, in seguito all'accoglimento di un ricorso per decreto ingiuntivo da noi depositato. E' solo la bozza di atto, senza relazione di notificazione. TRIBUNALE DI _______ ATTO DI CITAZIONE PER PIGNORAMENTO PRESSO TERZI Nell’interesse del sig. _________, rappresentato e difeso in forza di procura allegata al decreto ingiuntivo di cui infra dall’Avv. _____ed elettivamente domiciliato presso il suo Studio, in...

L’articolo 189 del codice della crisi di impresa prevede che l’apertura della liquidazione giudiziale non costituisce motivo di licenziamento. I rapporti di lavoro che sono in corso, alla data della sentenza, sono sospesi fino a quando il curatore, compatibilmente con l’autorizzazione del giudice delegato e sentito il comitato dei creditori decide di subentrare nei contratti, ovvero di recedere. I rapporti di lavoro nella liquidazione giudiziale, quindi, proseguiranno in due ipotesi: nel caso in cui il curatore subentri nella gestione dell’impresa al posto...

In questo breve articolo cerchiamo di dare risposta al quesito se sia possibile riassumere un apprendista precedentemente licenziato dal medesimo datore di lavoro. Come noto l’apprendistato è un contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, finalizzato a formare e occupare i giovani. La normativa è contenuto negli artt. 41 e seguenti del d.lgs. 81/15. Il pilastro dell’apprendistato è la funzione formativa, e il datore di lavoro è tenuto a garantire all’apprendista adeguata formazione. Non esiste nella norma un divieto di riassunzione di un...